• Maggio 7, 2021

Filius

 Filius
Condividi questo articolo su:
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Penzolano come angeli oscuri fili pieni di memoria,

sdraiato sopra un tempo che non ha confini,

sento ancora tanto male…

Inchiodato dentro un labirinto,

ascolto il tic tac delle lancette per trovare

l’ora della mia felicità,

alzo gli occhi e cerco una nuova luce.

I macigni che oscurano il sole si sgretolano

tra le mie mani,

matura l’idea, cresce la voglia, sale il calore,

vale sempre la pena ripartire…

Finalmente è un giorno diverso,

i sogni in processione portano i vostri sorrisi,

il vento e il sapore dell’acqua senza sale.

La ragione ormai saggia libera il cuore,

rivivo tutti gli abbracci e l’amore si fa indissolubile.

Raccomandato0Consigli
Pubblicato in Poesia
previous arrow
next arrow
Slider

Scrivi il tuo commento

Iscriviti alla nostra Newsletter per ricevere le migliori notizie in anteprima.

CHAT
Se vuoi usare questa funzione devi loggarti o registrarti